Pubblicazione video La Collezione Minici Zotti al Museo del Precinema di Padova

Negli ultimi due anni il mondo e le nostre vite sono cambiate. Per impedire la circolazione del virus, la pandemia ci ha costretto a distanziarci e isolarci, ma ci ha anche spinto a cercare nuove modalità per sentirci connessi.
Con i musei chiusi al pubblico, sono stati internet e le tecnologie digitali a consentire alle loro collezioni e ai professionisti che le gestiscono di entrare nelle case dei possibili visitatori e di tutti coloro che riconoscono nella cultura il miglior alleato per stare bene al mondo e creare legami umani più forti.
Nonostante sia impossibile trasmettere attraverso i pixel l’intera magia del nostro museo, l’atmosfera dei tempi passati, i giochi di luce, i dettagli e la vivacità dei colori dei vetrini dipinti a mano, la complessità ben mascherata dall’eleganza e dal rigore dei dispositivi ottici ottocenteschi e altri particolari che rendono la visita un’esperienza irripetibile, appena è stato possibile tornare a lavorare in presenza, anche noi ci siamo impegnati a rendere fruibile il nostro patrimonio per coloro che non hanno la possibilità di venire a trovarci di persona. Abbiamo pensato di farlo attraverso una serie di video, realizzati con il contributo della Regione Veneto, che passo dopo passo, ricostruiscono la storia del precinema dalle sue origini, attraverso un percorso raccontato ma soprattutto testimoniato visivamente dalle vedute ottiche, dai vetrini da proiezione, dalle stereoscopie e dagli strumenti che custodiamo nella nostra collezione, filmati per la prima volta in alta definizione, con alcune dimostrazioni del loro funzionamento.
Come in una visita guidata, abbiamo voluto narrare il tesoro esposto nelle sale del nostro museo, una collezione iniziata all’inizio degli anni Settanta da Laura Minici Zotti, con lo scopo di studiare, conservare e trasmettere l’incanto della Lanterna Magica e degli spettacoli ottici del passato. In circa 50 minuti, suddivisi in sei video dedicati a sei diversi aspetti tecnici e storico-culturali che hanno influenzato quello che dal 1895 verrà chiamato “cinema”, potrete scoprire forme di intrattenimento e tecnologie in gran parte dimenticate, ma di grande fascino e rilevanti ancora oggi, in un mondo dove il confine tra realtà e simulazione è sempre più indefinito. Se a uno primo sguardo possono infatti sembrare strumenti obsoleti, contestualizzandoli e analizzandoli più a fondo, ci si rende conto che è con essi che prendono il via, in forma ancora embrionale, molte delle pratiche contemporanee nell’ambito della visualità.
I video saranno visibili, a distanza di una settimana l’uno dall’altro, sul nostro sito e sul nostro canale Youtube. La loro pubblicazione verrà annunciata sulle pagine Facebook e Instagram del museo.

Con la divulgazione di questi contenuti, vogliamo incuriosirvi ma anche fornire un approfondimento per tutti coloro che si interessano di storia e cultura visuale, offrendo un utile strumento per chi si occupa del loro insegnamento e invitando chi ha la possibilità di venire a trovarci in visita al museo.
Ecco il calendario:
3 luglio: Il mistero della luce e dell’ombra – Il teatro d’ombre dall’antichità all’Ottocento (6:26 min)
10 luglio: I mondi in una scatola – Mondo nuovo, Pantoscopio e Megaletoscopio (11:01 min)
17 luglio: Immagini di luce – Lanterna Magica e proiezioni luminose (9:38 min)
24 luglio: Visioni trasparenti – I vetrini da proiezione e i meccanismi per animare le immagini dipinte (9:37 min)
31 luglio: L’illusione del movimento – Fenachistoscopio, Zootropio e Praxinoscopio (6:44 min)
4 settembre: La realtà e il suo doppio – Fotografia, stereoscopia e cinema (9:10 min)

1. Il mistero della luce e dell’ombra – Il teatro d’ombre dall’antichità
2. I mondi in una scatola – Mondo nuovo, Pantoscopio e Megaletoscopio
3. Immagini di luce – Lanterna Magica e proiezioni luminose
4. Visioni trasparenti – I vetrini da proiezione e i meccanismi per animare le immagini dipinte
5. L’illusione del movimento – Fenachistoscopio, Zootropio e Praxinoscopio

6. La realtà e il suo doppio – Fotografia, stereoscopia e cinema

Ingresso gratuito al Museo del Precinema per la Festa di Sant’Antonio

Il 13 giugno sarà una grande festa per tutta la città, con l’atteso ritorno in presenza della rievocazione storica del transito di Sant’Antonio, da Camposampiero a Padova. Anche il Museo del Precinema desidera unirsi alle celebrazioni, invitando padovani e turisti, a far tappa a Palazzo Angeli, per una visita gratuita alla sua collezione. Una raccolta unica al mondo di strumenti ottici antichi, immagini da proiezione dipinte su vetro, lanterne magiche, stampe all’acquaforte in grado di mostrare lo scorrere del tempo, disegni che prendono vita e altre affascinanti invenzioni che testimoniano le origini antiche dello spettacolo cinematografico.
Tra le migliaia di vetri da proiezione conservati, vi è anche una serie che raffigura la vita e i miracoli del Frate Antonio. Le 40 immagini, fotografie colorate a mano, sono databili ai primi del ‘900, sono state prodotte dalle Edizioni Arte Luce Parola della Santa Lega Eucaristica di Milano.
Le vite dei Santi venivano spesso mostrate con la Lanterna Magica ed ebbero grandissima diffusione fino a pochi decenni fa. Gli istituti scolastici, gestiti da ordini religiosi, le contemplavano nei loro programmi di studio. Da sempre la Bibbia e i testi religiosi furono raccontati per immagini, lo testimoniano le nostre chiese con i loro affreschi e dove veniva impiegata anche la Lanterna Magica per le proiezioni di immagini sacre dipinte.
La visita al museo rappresenta quindi un’occasione per scoprire questo aspetto della visione, un tempo, largamente diffuso e che, di conseguenza, ha partecipato al processo di formazione del nostro immaginario popolare e dell’odierno linguaggio visivo.

Giornata della Donna – 9 marzo 2022- Ingresso gratuito al museo per tutte le donne

Come ogni anno, il Museo del PRECINEMA – Collezione Minici Zotti, in collaborazione con il Comune di Padova, festeggia l’8 marzo, 𝐆𝐢𝐨𝐫𝐧𝐚𝐭𝐚 𝐢𝐧𝐭𝐞𝐫𝐧𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐚𝐥𝐞 𝐝𝐞𝐢 𝐝𝐢𝐫𝐢𝐭𝐭𝐢 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐝𝐨𝐧𝐧𝐚. 
Essendo il giorno di chiusura del nostro museo, abbiamo pensato di celebrare comunque questo importante evento, offrendo l’𝐢𝐧𝐠𝐫𝐞𝐬𝐬𝐨 𝐠𝐫𝐚𝐭𝐮𝐢𝐭𝐨 a tutte le donne 𝐦𝐞𝐫𝐜𝐨𝐥𝐞𝐝𝐢̀ 𝟗 𝐦𝐚𝐫𝐳𝐨. 
La visita alla nostra collezione, costituita da Lanterne Magiche, Mondi Nuovi e altri spettacolari dispositivi ottici antichi, consente di comprendere l’evoluzione delle tecniche e dei linguaggi che nei secoli, hanno dato vita alla cultura visuale, culminata con l’invenzione della Settima Arte. 
Il cinema, fin dalle sue origini più antiche, è stato un territorio di immaginazione, ricerca, sperimentazioni di nuove sensibilità e nuovi ruoli per le figure femminili, incarnazione del desiderio di un mondo migliore, sia davanti che dietro la cinepresa. Nella Giornata della Donna, vi invitiamo quindi a cogliere l’occasione di scoprire com’è nata questa fondamentale forma d’arte.

Canto di Natale – Ingresso gratuito, visita guidata e videoproiezione

Il 6 gennaio, come da tradizione, per festeggiare l’inizio del nuovo anno, il Museo del PRECINEMA – Collezione Minici Zotti offrirà una giornata speciale, con ingresso gratuito, per tutti quelli che vogliono scoprire il fascino luminoso del precinema, immersi in un’atmosfera d’altri tempi.
Per l’occasione, abbiamo scelto di mostrare una storia che da sempre ha incantato e riscaldato i cuori nel periodo natalizio, il Canto di Natale di Charles Dickens. Il racconto verrà proposto in forma video, con le immagini digitalizzate accompagnate dalla lettura del testo: un modo per poter apprezzare la bellezza delle fotografie colorate a mano senza mettere a rischio il degrado dei vetri originali.
La videoproiezione sarà seguita da una breve visita guidata, che consentirà di comprendere e vedere in funzione alcune invenzioni ottiche che tra ‘700 e ‘800, consentivano l’animazione delle immagini e l’illusione del movimento, anticipando la tecnica cinematografica.
I posti sono limitati. Per partecipare, è necessario prenotarsi scrivendo a info@minicizotti.it, indicando la preferenza di uno dei due turni: il primo alle ore 11:30, il secondo alle 14:30. Vi aspettiamo numerosi!

Patavinitas 2021 – 𝐕𝐞𝐧𝐞𝐳𝐢𝐚…𝐚𝐢 𝐭𝐞𝐦𝐩𝐢 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐋𝐚𝐧𝐭𝐞𝐫𝐧𝐚 𝐌𝐚𝐠𝐢𝐜𝐚 – Proiezione video e presentazione di Laura Minici

In occasione dell’iniziativa “Patavinitas 2021″, il Museo del PRECINEMA – Collezione Minici Zotti, è lieto di invitarvi sabato 13 novembre, alle ore 10, presso l’auditorium San Gaetano, per assistere alla proiezione del video “Venezia…ai tempi della Lanterna Magica”, realizzato per omaggiare l’anniversario dei 1600 anni di Venezia, attraverso il montaggio delle riproduzioni digitali dei vetrini originali per lanterna magica, risalenti al XIX secolo. 
Al fine di mostrare una visione inedita della “Regina dell’Adriatico”, ispirato alle testimonianze di grandi scrittori e viaggiatori come Gautier, Goethe e Proust che visitandola rimasero incantati dalla sua bellezza, il video ci porterà a compiere un vero e proprio viaggio nella Venezia ottocentesca, per mezzo di antiche fotografie in bianco e nero o colorate a mano. La videoproiezione consentirà di ammirare la città che tutti conosciamo, attraverso gli occhi dei nostri antenati, che l’hanno immortalata in queste suggestive immagini.
Laura Minici Zotti, esperta lanternista e fondatrice del museo, da sempre appassionata alla sua città natale e alla sua storia, introdurrà la proiezione raccontando ricordi e alcune interessanti curiosità.

Domenica 3 ottobre – Festa Provinciale del Volontariato e della solidarietà – ed. 2021 – Ingresso GRATUITO al Museo

Come ogni anno, alla Festa del Volontariato e della solidarietà in Prato della Valle, avrete la possibilità di incontrare da vicino le oltre 200 associazioni e cooperative del territorio che presenteranno le loro attività. Ci sarà un palco con esibizioni per tutta la giornata, area gioco e area sport.
Anche noi saremo presenti con il nostro banchetto, dove grandi e piccoli potranno scoprire la storia del precinema e provare alcuni giochi ottici. Ma soprattutto, chi lo vorrà, potrà salire e visitare gratuitamente il nostro museo.

IL MUSEO DEL PRECINEMA DI PADOVA COLLABORA AL GRANDE PROGETTO ESPOSITIVO DI RAVENNA PER IL 7°CENTENARIO DI DANTE

Il Museo del PRECINEMA-Collezione Minici Zotti è lieto di annunciare il prossimo importante prestito, che porterà a Ravenna, presso il MAR – Museo d’Arte di questa città, una Lanterna Magica e 15 vetrini da proiezione della serie “La Divina Commedia illustrata da Gustave Dorè”, originali della fine dell’800. La mostra intitolata “Dante. Gli occhi e la mente. Un’epopea pop”, a cura di Giuseppe Antonelli, si svolgerà dal 25 settembre 2021 al 9 gennaio 2022 e chiuderà l’anno delle celebrazioni dantesche, illustrando la fortuna popolare della figura di Dante Alighieri attraverso diversi secoli, generi espressivi e tecnologie. Un racconto che presenterà testimonianze letterarie, grafiche e artistiche, fotografiche e cinematografiche, musicali e commerciali legate al Sommo Poeta, con centinaia di oggetti espositivi, dai manoscritti del Trecento fino agli articoli di merchandising.

Al nostro museo è stato assegnato il compito di raccontare uno dei mezzi di comunicazione e d’intrattenimento più popolari dell’800, la Lanterna Magica, strumento ottico che consentiva la proiezione di immagini, all’epoca tecnologia molto avveniristica, dalla cui evoluzione è nato il Cinema. Le immagini evocate dai versi della Commedia, prendevano forma, generate dalla luce della lanterna, come in un sogno, creando un’immersione non solo mentale, ma anche fisica, nel mondo fortemente visivo creato dalle parole del Poeta. Il pittore francese Gustave Dorè, è tra gli artisti che più hanno saputo cogliere quest’aspetto dell’opera di Dante, e nel 1861 ha realizzato alcune tra le più celebri e intense illustrazioni della Divina Commedia.

I produttori di vetrini per Lanterna Magica erano consapevoli dell’incanto che queste visioni avrebbero provocato se proiettate in una sala buia, durante la lettura, magari con l’accompagnamento di un pianoforte, o una piccola orchestra, come si usava negli spettacoli dei lanternisti. I vetrini sarebbero inoltre stati utilissimi nelle scuole, nei circoli culturali e in qualsiasi luogo d’istruzione, per consentire una visione collettiva delle immagini, in un’epoca nella quale i libri illustrati erano oggetti rari e ancora molto costosi.

Nella nostra collezione sono custoditi 74 di questi vetri, di produzione italiana e francese, che abbiamo recentemente esposto in Museo, nella mostra-omaggio dedicata all’Anniversario, insieme alla rara stampa anastatica di un eccezionale manoscritto micro-calligrafico in unico foglio della Divina Commedia, realizzato da Francesco Cossovel nel 1888. In occasione della mostra, i vetrini sono stati digitalizzati ed è ora possibile ammirarli in alcuni video visibili sul sito del museo (https://www.minicizotti.it/2021/03/25/omaggio-a-dante-iniziativa-per-le-celebrazioni-nazionali-dei-700-anni-dalla-morte-video).

Considerando il grande interesse e la rarità di questi vetrini, il MAR  ha richiesto in prestito al Museo del Precinema, una selezione di queste opere ottocentesche, insieme a una Lanterna Magica in mogano, di produzione inglese, della stessa epoca, per testimoniare un aspetto poco conosciuto ma molto affascinante della cultura visuale del passato.

Vetrino da proiezione, litografia colorata a mano, 8,2×8,2 cm, 1890 ca., Inghilterra

Una domenica di magie

Dal 26 aprile il Museo del PRECINEMA ha nuovamente riaperto al pubblico e finalmente le sale del museo, rimaste a lungo a luci spente, sono di nuovo illuminate e, un po’ alla volta, si stanno ripopolando di visitatori. Rinnovando l’invito a venire a trovarci, abbiamo preparato una giornata speciale, per rendere la visita al museo ancora più coinvolgente, specialmente per i più piccoli. Le lanterne magiche, i colori delle immagini sui vetrini da proiezione, le stampe antiche e gli eleganti strumenti ottici del ‘700 e ‘800, con le storie che raccontano e le visioni che ancora oggi catturano lo sguardo riempiendolo di meraviglia, sono già molto affascinanti, ma domenica 16 maggio in museo ci sarà un pizzico di magia in più. Verrà infatti a trovarci il giovane mago Matteo, che alla fine della visita guidata, cercherà di stupirvi con giochi di prestigio, utilizzando un semplice mazzo di carte. Per partecipare è obbligatorio prenotare con almeno un giorno d’anticipo, scegliendo un turno tra i seguenti: ore 10:30, 11:30, 13:30, 14:30. Per info e prenotazioni potete chiamarci allo 049-8763838 o scriverci a info@minicizotti.it. Vi aspettiamo numerosi!

Omaggio a Dante – Iniziativa per le celebrazioni nazionali dei 700 anni dalla morte (video)

Nel periodo di chiusura al pubblico dei musei, in collaborazione con il Comune di Padova, ci siamo impegnati nella digitalizzazione di alcune serie di vetrini da proiezione per Lanterna Magica, realizzando degli audiovisivi che condivideremo online nei prossimi mesi, per consentire a tutti la fruizione della nostra collezione, anche restando a casa. Dato che il 2021 è l’anno delle celebrazioni nazionali dei Settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, abbiamo scelto di iniziare proprio con un omaggio al Sommo Poeta. Il museo ha infatti la fortuna di possedere 74 vetrini da proiezione originali di fine ‘800, che riportano le fotografie delle celebri e straordinarie incisioni eseguite da Gustave Doré nel 1861 per illustrare la Divina Commedia. Con le riproduzioni digitali di questi rari vetrini, abbiamo realizzato tre video di 10 minuti (Inferno, Purgatorio e Paradiso), aggiungendo i versi dei canti (recitati da Matteo Favero) come commento alle suggestive immagini e un sottofondo musicale, così come si usava in origine negli spettacoli di Lanterna Magica.

La Divina Commedia – Inferno

Giovedì 25 marzo, in occasione del Dantedì, alle ore 12, pubblicheremo sul nostro canale Youtube (youtube.com/user/precinema) questi video, che rimarranno visibili fino a quando potremo riaprire nuovamente il museo al pubblico. Da quel giorno infatti, oltre alla possibilità di vedere la proiezione del video nel nostro “teatrino”, i visitatori avranno l’occasione di ammirare in esposizione i vetrini da proiezione originali, insieme ad alcuni interessanti oggetti che testimoniano come il fascino e l’interesse esercitati dalla Divina Commedia fossero molto sentiti anche all’epoca. Oltre all’edizione “libracea” del 1887 corredata dalle illustrazioni del Dorè, si potrà vedere anche una curiosa riproduzione di inizio ‘900 della versione microcalligfrafica in unico foglio, realizzata a mano senza uso di lente da Francesco Cossovel intorno al 1880. Si tratta di una storia davvero singolare che potrete scoprire visitando il museo. Nella speranza che tutti i luoghi della cultura in Veneto possano riaprire il prima possibile, vi invitiamo a seguire la nostra pagina Facebook (facebook.com/museodelprecinema) per aggiornamenti.

La Divina Commedia – Purgatorio
La Divina Commedia – Paradiso

“Venezia…ai tempi della Lanterna Magica” (Video) – iniziativa nell’ambito di Venezia1600

In occasione dei 1600 anni dalla fondazione di Venezia, il Museo del PRECINEMA – Collezione Minici Zotti ha realizzato uno speciale video, digitalizzando i vetrini da proiezione originali per Lanterna Magica, realizzati tra inizio e fine Ottocento, per offrire una visione inedita della “Regina dell’Adriatico”, rendendo fruibile e valorizzando un patrimonio iconografico di grande fascino e interesse storico-artistico, ancora poco conosciuto. Il video è un viaggio nel tempo che consente di ammirare rare immagini della Venezia ottocentesca, antiche fotografie in bianconero o colorate mano, accompagnate da un commento e un sottofondo musicale, così come si usava in origine negli spettacoli dei lanternisti.
All’epoca della Lanterna Magica, prima della nascita del cinema e anche della fotografia, si mostravano le vedute di Venezia dipinte a mano su vetro da esperti miniaturisti. Con l’invenzione della fotografia, i cavalletti adatti a sostenere le tele dei pittori verranno sostituiti dal treppiede al quale si applicava la macchina fotografica a soffietto. Solo dopo il 1850, sarà possibile ottenere positivi su vetro di buona qualità, così da poter essere notevolmente ingranditi con la proiezione della lanterna magica. E’ così che la fotografia poteva essere osservata, non da una sola persona, come avveniva per le foto su carta, bensì contemporaneamente da un pubblico vario che, anni dopo, avrebbe affollato le sale cinematografiche per poter vedere le stesse immagini ma, come ben sappiamo, in movimento.
Ispirandosi alle testimonianze degli scrittori che hanno raccontato le loro esperienze di viaggiatori nella città, come Goethe, Proust, Mark Twain o Théophile Gautier, le immagini sono illustrate dal commento personale di Laura Minici Zotti, fondatrice del museo, veneziana di nascita e nell’affinità elettiva, che ha dedicato impegno e passione nel trovare, conservare e soprattutto mostrare -una volta nei teatri con la Lanterna Magica, oggi sullo schermo- questi preziosi vetrini.

L’iniziativa ha ricevuto il logo VENEZIA 1600, marchio ufficiale per le celebrazioni dei 1600 anni di Venezia, concesso dal Comune di Venezia